Stop a parrucchieri ed estetisti abusivi con la campagna CNA

L'area dedicata all' Unione nazionale CNA Benessere e Sanità nella quale il presidente Savino Moscia risponde. Trovi tutte le iniziative che si svolgono sul territorio e dove puoi porre tutte le domande sulle problematiche che incontri nell'attività del Tuo Salone! Cliccaci su!

Moderatore: opux

Avatar utente
opux
Messaggi: 1731
Iscritto il: 24/11/2009, 10:50

Stop a parrucchieri ed estetisti abusivi con la campagna CNA

Messaggioda opux » 02/04/2016, 21:05

TREVISO - Tremila adesioni in un mese. Novantamila persone raggiunte attraverso i social. Decine di iniziative in tutt’Italia. Sono i numeri della petizione “Stop abusivismo”, lanciata dalla Cna in tutta Italia per sensibilizzare l’opinione pubblica contro i danni provocati dagli operatori abusivi nei settori dell’acconciatura e dell’estetica.

Gli operatori abusivi sono tutti coloro che lavorano senza qualifiche e certificazioni oppure in ambienti non idonei, con strumenti non a norma, o che svolgono lavoro nero in casa propria facendo così concorrenza sleale alle attività in regola con la normativa vigente e il fisco. Anche gli operatori del benessere della provincia di Treviso stanno aderendo in massa alla petizione “Stop abusivismo”.

“Il successo registrato dalla campagna – commenta Alfonso Lorenzetto, presidente provinciale di Cna Treviso - dimostra che si tratta di una vera e propria emergenza per la nostra categoria. È necessario un intervento urgente delle autorità competenti per ristabilire la legalità”.

L’associazione ribadisce la necessità di garantire operatori qualificati, il rispetto delle norme di igiene e sicurezza, l’aggiornamento continuo sull’utilizzo delle apparecchiature per l’estetica, l’uso di prodotti cosmetici a norma. L’abusivismo altera il mercato e impedisce la concorrenza leale, quindi comporta un danno anche economico. “Gli abusivi giocano con la tua pelle, scegli mani sicure”, è lo slogan della campagna per ricordare i danni alla salute, a volte gravi, che l’abusivismo può provocare.

“La crisi in cui versa il settore dell’estetica - aggiunge Raffaella Pozzebon, presidente di Cna Benessere e Sanità della provincia di Treviso - non giustifica comportamenti scorretti da parte degli abusivi che, giocando al ribasso, danneggiano i consumatori e l’economia legale. Le colleghe estetiste che scelgono tutti i giorni, con eroismo lasciatemelo dire, di lavorare nella legalità investendo sulla propria professionalità e sui macchinari, facendo corsi di formazione per dare ai propri clienti sempre il meglio, e assumendo collaboratori in regola, sono una garanzia di legalità per l’utente”.

“Finora ogni iniziativa pubblica di contrasto all’illegalità è risultata inefficace. Per questo motivo Cna e le tremila persone che già hanno aderito alla campagna si rivolgono ora alle istituzioni affinché garantiscano controlli più efficaci sugli irregolari e un sistema efficiente di qualifica e di aggiornamento per chi vuole diventare operatore”.
The Opux