Seminario Affitto di Poltrona/Cabina Milano 14,01.2013

L'area dedicata all' Unione nazionale CNA Benessere e Sanità nella quale il presidente Savino Moscia risponde. Trovi tutte le iniziative che si svolgono sul territorio e dove puoi porre tutte le domande sulle problematiche che incontri nell'attività del Tuo Salone! Cliccaci su!

Moderatore: opux

Avatar utente
opux
Messaggi: 1730
Iscritto il: 24/11/2009, 10:50

Seminario Affitto di Poltrona/Cabina Milano 14,01.2013

Messaggioda opux » 22/01/2013, 18:36

Il tema dell’affitto di poltrona/cabina è stato dibattuto nell’ambito di un apposito seminario come deliberato nella riunione di presidenza del 30 settembre 2012.L’obiettivo era quello di far svolgere una relazione agli esperti in materia di fisco, contratti e lavoro per analizzare tutte le modalità da adottare per utilizzare questo strumento. Come è noto in alcune province questo viene già utilizzato anche se l’orientamento delle Istituzioni non è ben definito e varia sul territorio.

L’incontro, dopo i saluti del Presidente dell’Unione, Savino Moscia, sono stati introdotti dal Resp. Naz. Filippo D’Andrea che ha riassunto i temi da dibattere, sottolineando che sullo sfondo c’è la questione più generale delle norme che definiscono le attività di acconciatura ed estetica che secondo alcuni giuristi andrebbero adeguate per consentire un utilizzo del nuovo istituto a pieno titolo. Tuttavia la situazione politica generale consiglia di approfondire alcuni temi tecnici visto che in tempi di crisi l’affitto di poltrona/cabina potrebbe diventare ancor più utile, inattesa dell’inizio della nuova legislatura.
Ulteriore elemento di cornice è l’orientamento delle Camere di Commercio di accettare l’iscrizione all’Albo solo con una sede autonoma per ciascuna impresa artigiana. Su questo punto bisognerà risalire alla norma alla quale si appellano le CCIAA, anche se non tutte lo richiedono. Dopo questa introduzione sono iniziate le relazioni su ciascun tema specifico di cui in premessa.
I documenti presentati saranno visibili quanto prima sul sito dell’Unione, comunque in breve sintesi per quanto riguarda il collega Carpentieri , resp.Politiche Fiscali CNA , ci sembra utile sottolineare alcuni punti.
Innanzitutto la disciplina fiscale prende in considerazione fattispecie che si fondano sulla liceità della causa , ammissibilità da parte della normativa di settore e quindi interpretazione del contratto. Con questa premessa il collega Carpentieri ha illustrato nel merito tutti gli aspetti fiscali in modo approfondito ed esauriente informando che finalmente l’Agenzia delle Entrate ha risposto al quesito della CNA dando indicazioni che dovranno essere approfondite nei prossimi giorni. Infatti nella risposta si fa cenno sia all’istituto della cessione del ramo d’azienda sia alla cessione in affitto di beni patrimoniali. Secondo Carpentieri quest’ultimo strumento si presta di più al nostro caso. Tutto va regolato nel modo più dettagliato possibile nel contratto. La parola è stata data ,quindi, all’Avv.Giulia Vecchiato, consulente della CNA Milano che ha ospitato il Seminario, che ha presentato due modelli contrattuali elaborati proprio per disciplinare nel modo più completo tutti gli aspetti del rapporto tra i due imprenditori. L’avv. inoltre ha chiarito tutti gli aspetti relativi alla responsabilità in caso di danni al cliente ed in materia di sicurezza .
La terza relazione è stata svolta da Andrea Bergamini di CNA Interpreta , in materia di diritto del lavoro. Bergamini ha illustrato tutti gli istituti che possono applicarsi al rapporto tra i due imprenditori al fine di rendere esplicito che non si tratta di lavoro dipendente. Sono state inoltre esplicitate tutte le questioni che vanno previste nel contratto in materia di lavoro proprio per stabilire un rapporto trasparente non equivocabile.
Alle relazioni è seguito un dibattito molto articolato con domande ai relatori e testimonianze da parte dei colleghi presenti. Naturalmente gli interessati potranno prendere visione della documentazione sul sito e la conclusione non può essere definitiva visto che in mancanza di una norma generale di sostegno bisognerà ancora approfondire alcuni aspetti anche dalle relazioni sono venute alcune indicazioni tecniche , supportate dall’esperienza pratica avviata in alcuni territori. Nelle prossime settimane confronteremo questi risultati con Confartigianato e tenteremo di risolvere la questione di fondo circa l’orientamento ndlle CCIAA.
The Opux