Parrucchieri e estetisti, basta con gli abusivi!

Moderatore: opux

Avatar utente
opux
Messaggi: 1722
Iscritto il: 24/11/2009, 10:50

Parrucchieri e estetisti, basta con gli abusivi!

Messaggioda opux » 24/03/2016, 18:41

abusivi-confartigianato.jpg

ORBETELLO. «Basta con chi svolge la nostra professione abusivamente».
I parrucchieri orbetellani sono stanchi, esasperati e soprattutto molto arrabbiati nei confronti di chi svolge la loro professione senza licenza andando casa per casa a tagliare i capelli magari anche a prezzi stracciati. «Paghiamo le tasse - dicono - siamo sottoposti a mille controlli e altrettante prescrizioni. Tutte queste persone che svolgono la nostra professione in maniera abusiva sono per noi un danno». Sono anni che sopportano e ora sono arrivati al limite. Sono pronti a gesti estremi per porre fine a queste condotte.
«Sono più di venti le persone che senza nessuna vergogna nei nostri confronti - è l’accusa - vanno a tagliare i capelli nelle case. Fanno prezzi bassi, non rilasciano ricevuta, non hanno la licenza e chissà se poi alcuni sono davvero dei parrucchieri». Orbetello è tutto sommato una piccola comunità e quindi i professionisti del settore si conoscono tutti. Sanno chi svolge la professione in maniera regolare, in un negozio sottoposto a tutti i controlli e chi invece non paga le tasse e guadagna sulla loro pelle. «Sappiamo esattamente chi sono le persone che fanno i parrucchieri senza averne titolo. Ora la devono smettere. Abbiamo tollerato anche troppo». Sul banco degli imputati non solo i parrucchieri abusivi ma anche gli estetisti abusivi. «Ci sono anche molte persone - riferisce il gruppo di parrucchieri e estetisti che ieri si sono riuniti in un negozio di Orbetello - che nelle loro case depilano, fanno manicure e pedicure in barba a tutti i regolamenti anche dell’Asl». Un estetista, per esempio, è tenuto anche allo smaltimento dei rifiuti speciali. «Dove li mettono questi rifiuti quelli che svolgono questa professione nella loro casa, magari in una stanzetta che non è nemmeno a norma? A noi controllano anche le dimensioni delle cabine. A questi soggetti invece nessun controllo». Parrucchieri ed estetisti sembrano pronti a dar battaglia. «Chi vuol fare questo mestiere - sostengono - apra un regolare negozio, stia alla regole e nessuno gli dirà mai nulla. Noi non siamo i più sciocchi che dobbiamo pagare le tasse, usare prodotti sempre più all’avanguardia per tutelare la salute dei clienti e per poi perderli a causa di questi abusivi».
I parrucchieri di Orbetello sono andati anche in Comune per esporre alla sindaca Paffetti il loro problema. «Ci risulta - dicono - che anche la Cna stia lavorando per combattere il fenomeno». Il gruppo non vuol nulla se non che si rispettino le regole e non si affossi il mercato con prezzi lesivi della concorrenza «Le autorità competenti controllino chi viola le norme e non solo noi che, per quanto in alcuni casi si possa sbagliare, abbiamo rischiato di tasca nostra aprendo attività che ci costano fior di quattrini».
The Opux