Barba e capelli, in ospedale prezzi alle stelle

problematiche di gestione, aspetti elgali e giuridici della nostra professione

Moderatore: opux

fabio
Messaggi: 351
Iscritto il: 25/02/2010, 17:15
Contatta:

Barba e capelli, in ospedale prezzi alle stelle

Messaggioda fabio » 07/11/2012, 18:52

Bordighera - Piega e taglio, 38 euro. Permanente e piega 54 euro. Taglio capelli per uomo, 22 euro. Da un coiffeur in centro città super chic? Macchè, nell’ospedale Saint Charles. Capito bene: sono le nuove tariffe, lievitate, e di parecchio, che appaiono sul listino prezzi posto in bella vista al terzo piano del nosocomio vicino all’astanteria.

L’Asl attraverso una regolare gara d’appalto, ha infatti scelto il nuovo operatore del servizio “barba e capelli” , si fa per dire, che si mette a disposizione dei degenti nei tre nosocomi ospedalieri di Bordighera, Sanremo e Imperia. E’ la ditta “Gori” di Arma di Taggia che ha fatto l’offerta più appetibile per aggiudicarsi la possibilità di far sì che anche i degenti possano avere un parrucchiere-barbiere a disposizione. Detto, fatto, lo staff inizia la sua opera. Ma ai pazienti del Saint Charles, abituati a tariffe più calmierate, si sono rizzati i capelli in testa: e non sono servite, purtroppo, le abili mani dei parrucchieri della ditta “Gori” a rimetterli a posto. I degenti sono talmente seccati dei prezzi del nuovo listino che hanno deciso di scrivere all’Asl affinchè si imponga alla ditta di fare uno sconto sul prezzo. Del resto è sufficiente gettare un’occhiata sulle tariffe esposte per rendersi conto che le tariffe del nuovo servizio di parrucchiere non sono poi del tutto abbordabili: per le donne, la piega costa 15 euro, il taglio 22 euro la piega più taglio 38 euro, la permanente più piega 54 euro, lo shampoo curativo speciale 4 euro, il colore più piega ben 45 euro. Per l’uomo le tariffe non sono certo inferiori: per la barba occorrono 12 euro, per il taglio 22 euro, per il taglio con macchinetta 6 euro e ancora per lo shampoo curativo speciale 4 euro. Insomma, tariffe da parrucchiere, negozio in centro e ampie vetrine, non certo da lettini ospedalieri, in un ambiente fatiscente, in camere da sei letti.

«Quando abbiamo visto quei prezzi - raccontano alcune degenti - abbiamo deciso di aspettare di essere dimesse. Troppo caro farsi sistemare i capelli, tanto vale andare poi dal proprio parrucchiere quando si esce di qui». E per chi non riesce a muoversi e in ospedale dovrà restare parecchio, ci pensano i parenti a “dare una sistemata”. Ma i parrucchieri non ci stanno a farsi mettere con le spalle al muro. «Quando abbiamo partecipato alla gara d’appalto indetta dall’Asl - spiegano infatti alla ditta “Gori” - i nostri prezzi erano inferiori a tutti gli altri partecipanti. Ecco perché siamo stati scelti. Noi utilizziamo solo prodotti di marca, i rasoi e le forbici sono monouso per motivi di igiene a differenza di quanto avveniva in passato nei tre stabilimenti ospedalieri dove si usava un solo rasoio per tutte le barbe, e di sicuro noi garantiamo la ricevuta fiscale, altra cosa che forse in anni diversi non veniva mai rilasciata. Le nostre due parrucchiere devono partire da Arma di Taggia: c’è da considerare quindi anche le spese del trasferimento. Ci dispiace dover applicare queste tariffe ma non possiamo fare diversamente».
fonte http://www.ilsecoloxix.it/p/imperia/201 ... dale.shtml
Fabio Messina