MAI DIRE PIEGA Pt 4 - Brillante come un diamante

La rubrica impertinente e pungente che fa tremare le covinzioni di ogni Parrucchiere!
Gioie, segreti, false verità e inganni svelati dal nostro Ficcanaso, Paolo Dolcetti!

Moderatori: opux, acquaparrucchieri

Avatar utente
acquaparrucchieri
Messaggi: 526
Iscritto il: 12/08/2010, 15:01
Località: Pesaro
Contatta:

MAI DIRE PIEGA Pt 4 - Brillante come un diamante

Messaggioda acquaparrucchieri » 08/01/2016, 13:11

shiny-blue-diamond-3401395.jpg

Una delle caratteristiche migliori che può avere una piega ben fatta è la lucentezza, ma cos’è che rende lucido il capello?... La lucentezza di un capello è data dalle condizioni dello strato esterno dei capelli: lo strato cuticolare, maggiore è la chiusura delle squame cuticolari e maggiore sarà la luce che i capelli rifletteranno verso i nostri occhi, dandoci la sensazione di lucido, ma non solo, persino il colore ci apparirà più corposo e leggermente più scuro. Per fare un esempio, provate a pensare ad un tavolo nero per metà lucido e per metà opaco, è lo stesso colore ma la percezione visiva sarà che la parte opaca ci sembrerà più grigio scuro che nero corvino, questo perché la parte opaca rimanderà meno luce della parte lucida.
Ho fotografato due prodotti neri che avevo in salone per farvi capire meglio la differenza, notate come il flacone lucido rimandi a specchio la luce mentre quello opaco rimanda una luce soffusa. Ma cosa cambia se è lo stesso nero?....
IMG_1526.JPG

Se andassimo ad osservare con un microscopio entrambe le superfici vedremo che la parte lucida risulta più liscia della parte opaca, che avrà un aspetto increspato.
Stessa cosa per i capelli, se risultano opachi è perché lo strato cuticolare non è perfettamente chiuso.
OSSERVAZIONE_OPACO-copia.jpg

Quindi quando si esegue una piega, non si tratta di dare solo la forma desiderata ai capelli, ma anche di levigare lo strato cuticolare allo stesso tempo e questo si ottiene attraverso il rotolamento della spazzola e la corretta angolazione con cui il flusso dell’aria colpisce i capelli. Fondamentale è la detersione e relativo condizionamento che deve essere misurato al tipo di cute e capelli che andiamo a trattare, poi ci sono i prodotti styling che ci aiutano a dare più tenuta alla piega “filmando” i capelli e in ultimo è fondamentale il corretto utilizzo di phon e spazzola. Ora le variabili fisiche che interagiscono per un ottima riuscita della piega sono svariate, diciamo che l’importanza maggiore ce l’hanno la velocità del flusso dell’aria, il calore e l’angolazione con cui il flusso colpisce i capelli. Noi professionisti sappiamo bene che il tipo di capelli che ci sono sul mercato sono innumerevoli e se concentriamo l’attenzione solo sull’uso del phon, capiamo che occorrerebbe un phon in grado di dare molte più combinazioni flusso/calore di quelle che normalmente un phon professionale può dare.
Come in tutte le cose che riguardano il successo possiamo tranquillamente affermare che “gran parte del successo di una attività commerciale è data dalla cura dei particolari”, il nostro è un mercato saturo e se tutti facciamo le stesse pieghe, la competizione si sposterà sul prezzo, alzi la mano chi vuole giocarsela coi cinesi…..
Una piega alla fine è creare una forma che rifletta luce, donare un diamante che entusiasmi in quel momento la cliente, occorre sapere, manualità e i giusti mezzi. Noi ce li abbiamo?