Cosmetici "senza"....... Ammoniaca

La rubrica impertinente e pungente che fa tremare le covinzioni di ogni Parrucchiere!
Gioie, segreti, false verità e inganni svelati dal nostro Ficcanaso, Paolo Dolcetti!

Moderatori: opux, acquaparrucchieri

Avatar utente
acquaparrucchieri
Messaggi: 526
Iscritto il: 12/08/2010, 15:01
Località: Pesaro
Contatta:

Cosmetici "senza"....... Ammoniaca

Messaggioda acquaparrucchieri » 23/02/2015, 17:10

Questo è il dilemma del millenio: colorazioni con o senza ammoniaca?.... Mettiamo subito in chiaro che, volenti o nolenti, chimicamente una colorazione a base ossidativa ha bisogno di una sostanza basica. L’ammoniaca è un gas e per essere resa disponibile nelle formulazioni coloranti, per anni si è utilizzata una soluzione acquosa (Ammonium Hydroxide). La base è necessaria per mantenere la soluzione in ambiente basico e permettere, attraverso l’apertura delle squame dello strato cuticolare dei capelli, la penetrazione delle molecole coloranti all’interno dei capelli. L’Ammonium Hydroxide è una molecola molto instabile, questo significa che se non mantenuta in condizioni controllate, si scinderà in uno ione idrossido (OH-) e in uno ione ammonio (NH4+). Ad un certo punto della storia della colorazione si è deciso che bisognava trovare soluzioni alternative all’ammoniaca ed ecco apparire sulla scena la MEA (Monoetanollamina).
La mia prima domanda è: PERCHE’??
La MEA si ottiene facendo reagire ossido di etliene e ammoniaca in condizioni di temperatura e pressione ben precisi e ha una doppia funzione: è sia ammina che alcool.
Non ho mai trovato una risposta esaustiva da parte di nessuna azienda del perché la MEA sarebbe meglio dell’Ammoniaca, l’unica risposta che mi sono dato, ed è quella che un po’ tutti dicono ma nessuno ammette a livello ufficiale, è che l’Ammonica puzza e “puzza”, per il mercato, è uguale a brutto sporco e cattivo. Quindi una soluzione da marketing più che da effettiva valenza funzionale. Nella mia esperienza di parrucchiere devo ammettere che una delle richieste del pubblico relative alla colorazione è l’assenza di ammoniaca, quindi i markettari sono stati bravissimi a demonizzarla, mi sarebbe piaciuto tanto vedere anche solo una colorazione che nell’etichetta dichiarasse “SENZA AMMONIACA, CON ETANOLAMINA”
Senza andare troppo in disquisizioni chimiche, mi limito ad osservare cosa dicono le schede di sicurezza delle due sostanze

AMMONIUM HYDROXIDE
Classificato come: corrosivo, irritante, pericoloso per l’ambiente
Frasi di rischio:
• H314 – Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari.
• H335 – Può irritare le vie respiratorie.
• H400 – Molto tossico per gli organismi acquatici.
Consigli di prudenza
• P261 – Evitare di respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/aerosol.
• P273 – Non disperdere nell'ambiente.
• P305 + P351 + P338 – IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare

ETHANOLAMINE
Classificato come: corrosivo, irritante
Frasi di rischio:
• H302 – Nocivo se ingerito
• H312 – Nocivo per contatto con la pelle
• H314 – Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari.
• H332 – Nocivo se inalato.
• H335 – Può irritare le vie respiratorie.
Consigli di prudenza
• P261 – Evitare di respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/aerosol.
• P280 – Indossare guanti/indumenti protettivi/Proteggere gli occhi/Proteggere il viso.
• P305 + P351 + P338 – IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare
• P308 + P313 – In caso di esposizione o di possibile esposizione, consultare un medico.

Come vediamo entrambe le sostanze non brillano per sicurezza, ma qui parliamo di sostanze pure e come ben sappiamo in una tintura per capelli la legge europea sulla cosmesi da dei limiti precisi sul loro utilizzo. Le linee guide europee sulla cosmesi classificano le sostanze in base alla loro tollerabilità sulla pelle, esposizione e modo di utilizzo, in pratica stabiliscono quanto una sostanza può ritenersi sicura.
Se mettiamo a confronto l’Idrossido di Ammonio e la MEA, si evince che la prima è pericolosa soprattutto per la fauna acquatica, ma in una tintura per capelli, la cosa certa, è che una volta sviluppata la reazione chimica l’Idrossido di Ammonio si è già decomposto nei suoi ioni di riferimento (la parte ammoniacale si volatilizza), quindi in mare non ci arriva. L’Etanolamina (non volatile)invece crea un problema formulativo in più per i chimici, come tutte le ammine, può dar vita a nitrosammine, sostanze potenzialmente cancerogene. La legge da un limite preciso alla formazione di nitrosammine nei cosmetici, imponendo alle aziende delle misure cautelative in formulazione che limiti la formazione di queste sostanze cancerogene.
In conclusione non mi sento di essere favorevole o meno a una delle due sostanze, quello contro cui mi scaglio con forza è l’abitudine a demonizzare tipica del dichiarare un cosmetico “senza”… Io stesso nel mio salone utilizzo colorazioni sia con Idrossido di Ammonio che con MEA, ma quello che cerco di fare sempre è informare sulla differenza tra le due sostanze e cerco di far capire alle persone che le sostanze veramente pericolose in una tintura per capelli sono altre: i pigmenti preossidati….. Ma questo è un altro discorso…..


Paolo Dolcetti